Tanti CAGNOLINI REGALATI questo NATALE saranno ABBANDONATI prima del primo anno

Un’immagine che si ripete ogni anno: un prezioso cucciolo di cane o di gatto dentro una scatola di regalo sotto l’albero di Natale.

È tempo di regalare, è cosa c’è di meglio che regalare un piccolo cucciolo morbido e coccoloso. Per di più questo periodo spesso coincide con l’arrivo delle prime cucciolate dell’inverno. Sembra tutto perfetto.

 

Invece, tanti di questi piccoli saranno abbandonati entro il primo anno di vita. Approssimatamene il 27% dei cani e gatti regalati in questo Natale saranno accolti per le associazioni protettore di animali prima che loro compiano l’anno di vita.

Le motivazioni sono svariate, ma principalmente c’è né una che richiama maggiormente l’attenzione e che raggiunge la maggiore percentuale per i cuccioli, il 15% concretamente, secondo uno studio della Fondazione Affinity del 2016. È il comportamento dell’animale.

IL COMPORTAMENTO

Sembra incredibile come le persone cercano scuse per giustificare le loro azioni sleali. L’arrivo di un nuovo membro in famiglia esige responsabilità però non di certo del cucciolo, ma della persona che lo adotta.

Ci prendiamo troppo spesso alla leggera le responsabilità che richiede l’accogliere nelle nostre case un piccolo animale da compagnia. 137.000 cani e gatti furono abbandonati e accolti nel 2015 per Associazioni Protettrici di Animali, secondo lo stesso studio. Ma, perché succede questo?

É ovvio che a pesare delle campagne di sensibilizzazione e il leggero calo di abbandoni dal 2008, non è sufficiente l’educazione sociale al riguardo. Le difficoltà che hanno molte persone nel comprendere determinati concetti così elementali come il riconoscimento della dignità e il rispetto dei diritti degli animali è evidente e drammatica.

Non può essere accettato questo ritardo educativo in una società avanzata come la nostra. È certo che il dovere di educare concerne l’intera società, include non soltanto la famiglia ma anche le istituzioni pubbliche e di comunicazioni.

Ma quello che più ci lascia perplessi è la mancanza di sensibilità che a volte abbiamo noi persone a livello individuale.

Indipendentemente dall’educazione che abbiamo potuto ricevere, non è esclusa la possibilità di poter sviluppare un certo criterio personale e in concreto una sensibilità verso gli altri esseri con i quali condividiamo questo pianeta e che anzi, in molti casi, formano parte della nostra vita famigliare.

C’È SOLUZIONE

Una di loro risalta sopra tutte le altre: riflettere con razionalità prima di accogliere un cucciolo nella tua famiglia. Pare ovvio e poco “sensibile”. Invece è il meglio e la prima cosa che devi fare prima di adottare un’animale da compagnia.

Meditare in maniera razionale e pratico sulle necessità tue e anche dei bisogni dell’animalino che pretendi accogliere. Pensa e visualizza il modo con il quale vuoi gestire e sistemare il nuovo compagno nella tua vita o nel quotidiano della persona con la quale il cucciolo andrà a vivere.

Le motivazioni per adottare un animale da compagnia possono essere tante e tutte molto valide, basta che si abbia un senso di responsabilità e di rispetto verso la creatura che accogli. Non è un giocattolo anche se si può giocare con lui. Non è un oggetto, è un essere vivo, il quale merita di essere trattato con dignità e rispetto.

Riflettere sulle motivazioni “reali” per le quali vuoi un animale da compagnia e dai il giusto valore ai tuoi capricci, perché no? ma in maniera responsabile.

Considera il tempo e le necessità nutrizionali, le cure di igiene e salute, la necessità di spazio e anche quelli affettive che il piccolo compagno richiederà, non soltanto in breve, ma anche nel tempo avvenire.

Una volta analizzato in maniera effettiva e reale la trasformazione che questo nuovo arrivo in famiglia avrà, potrai valutare la possibilità reale di poter concludere questa adozione in maniera più responsabile e coerente.

La fiducia prodotta dal riconoscere nelle persone una nobiltà d’animo è ciò che impulsa gli animali ad una fedeltà unica ed eccezionale.

La lealtà dei cani, in particolare, verso i suoi compagni di vita è estraordinaria ed esemplare. Loro non ti abbandonerebbero mai.

La lealtà è una condizione che da onore all’uomo. Non li deludere.

NO ABANDONO

 

La lealtà dei cani, in particolare, verso i suoi compagni di vita è estraordinaria ed esemplare. Loro non ti abbandonerebbero mai.

La lealtà è una condizione che da onore all’uomo. Non li deludere.