japan osaka

SVILUPPO INTELLIGENTE ANCHE IN PICCOLE CITTÀ

Non solo le grandi metropoli come Amsterdam, Londra o Barcellona; o le città di rapida urbanizzazione e crescita come quelle asiatiche si sono adattate per l’incorporazione della nuova tecnologia emergente.
Le piccole città possono ne possono beneficiare dei servizi e dei miglioramenti che queste tecnologie possono offrire.
Ma hanno anche degli svantaggi, ad esempio la limitazione delle risorse , la velocità di incorporazione dell’innovazione, gli ostacoli legali e la competizione commerciale o turistica con altre grandi città.
D’altra parte, le piccole città devono sapere come sfruttare i loro vantaggi, come una minore pressione pubblica, un maggiore interesse da parte dei fornitori, che offre una maggiore libertà di decisione.
Per una piccola città con risorse limitate è importante identificare dove investire il miglioramento innovativo.

tokyo

È conveniente non sprecare risorse economiche in una semplice sostituzione di un dispositivo già esistente che non fornirà un miglioramento adeguato e sensibile nella vita urbana.
Ad esempio la sostituzione dei parchimetri non aiuterà molto a migliorare la città, tuttavia la regolarizzazione dei semafori, sì, può migliorare i tempi e la qualità di guida.
L’ automazione del rischio o dell’illuminazione nei giardini pubblici, nelle strade o nelle strutture può aiutare a risparmiare energia e risorse in una piccola città. Come anche l’automazione della raccolta di rifiuti e il riciclaggio di questo.

SVILUPPO DI CITTÀ INTELLIGENTI IN ASIA

streets

Molte iniziative per creare città intelligenti sono già iniziate nel sud-est asiatico. Nello specifico, 26 Smart Cities si sono inizialmente unite per far parte dell’Associazione del Sud-est asiatico, una piattaforma per la collaborazione dei cittadini.
Il suo obiettivo è quello di sviluppare in 100 piccole città del territorio un sistema sostenibile e intelligente che migliori la vita dei suoi cittadini attraverso l’integrazione di tecnologie avanzate e connettività wireless 5G.
La Thailandia cerca modi per accelerare la sua economia basandosi sull’innovazione tecnologica. L’ integrazione dell’intelligenza artificiale di intelligenza artificiale nei suoi servizi cittadini contribuirà a ottimizzare la produttività e l’efficienza.
Ad esempio, il traffico è una delle principali difficoltà di molte città asiatiche. L’Asian Development Bank stima il costo della congestione del traffico tra il 2% e il 5% del PIL. Un tempo e un costo che aumenta ogni anno.

Nel caso di Bangkok, la capitale della Thailandia sta pianificando soluzioni per migliorare l’infrastruttura delle sue strade e quindi risolvere i problemi del traffico. Promuovere trasporti pubblici, economici e sostenibili è uno dei suoi obiettivi per migliorare la qualità della vita in città.
L’integrazione di sistemi avanzati di gestione del traffico migliorerebbe indubbiamente la situazione economica del paese.

Hangzhou

Questa soluzione è già stata dimostrata nel progetto “ City Brain ” nella città di Hangzhou, in Cina. Dove un sistema IA raccoglie dati sul traffico, li analizza e li utilizza per gestire in modo ottimale oltre 100 incroci.

Hangzhou

Questo sistema IA ha anche altre applicazioni, basate sul riconoscimento facciale e sullo studio comportamentale. Permette di fornire servizi e prodotti personalizzati ai propri clienti, ad esempio in banche e sportelli bancomat. Ovviamente hanno grandi vantaggi di sicurezza e velocità amministrativa

phuket

Un’altra città è Phuket in Tailandia, interessante per il suo valore turistico, è stata inclusa nel progetto Thai Smart City.

Mandalay

In Myanmar, la città di Mandalay sta seguendo un piano di sviluppo urbano avviato con il miglioramento del sistema di approvvigionamento idrico, il trattamento delle acque reflue e la gestione del riciclaggio dei rifiuti.

A Danang, in Vietnam. Il suo sviluppo si concentra sull’incorporazione di IA in banche dati 5G in infrastrutture e centri funzionali, come scuole e università. Vuole anche migliorare il traffico e proteggere l’ambiente.

AFRICA: AL PASSO CON LA TECNOLOGIA

Sebbene alcuni paesi africani siano ancora in fase di urbanizzazione di base, stanno rapidamente accelerando il loro sviluppo per raggiungere il resto del mondo.
Ora è il secondo continente con l’accelerazione più rapida dopo l’Asia e si ritiene che entro il 2020 sarà in grado di raggiungere un simile sviluppo tecnologico.
Questo ritardo nell’applicazione della tecnologia avanzata nell’area urbana che i paesi africani hanno, può avere un certo vantaggio che sarebbe opportuno approfittarne.
Le nuove città emergenti o quartieri periferici delle grandi città africane possono essere progettate partendo da zero con soluzioni già provate in altre nazioni.
Ad esempio, nella pianificazione iniziale delle infrastrutture di queste città intelligenti, è possibile incorporare la tecnologia IA e le corrispondenti applicazioni automatiche, evitando le spese e i tempi necessari per l’eliminazione delle vecchie infrastrutture già esistenti.
Un altro vantaggio che l’Africa ha è la sua alta percentuale di popolazione giovane, questo grazie anche alle sue capacità innovative può adottare la tecnologia moderna in modo migliore e più veloce.

Questo importante slancio che l’Africa sta avendo fornisce una buona prospettiva futura per i politici di queste nazioni. Infatti, già al vertice Transform Africa di maggio 2017, il governo ruandese ha presentato un piano per la creazione di città intelligenti. Una base da cui ha avviato il processo di sviluppo tecnologico nel resto dell’Africa.
Il documento è diviso in 10 fasi per creare la città intelligente. Raccolta dei dati, considerazione dell’energia e delle risorse economiche, identificazione e soluzione delle difficoltà, incorporazione di tecnologie IA avanzate in diverse aree e infrastrutture, sviluppo di progetti pilota e valutazione della loro efficienza, risoluzione dei problemi e ottimizzazione degli stessi.
Sempre nello stesso congresso, i paesi africani sono stati sollecitati a ottenere fondi di investimento e diverse fonti di finanziamento, ad esempio attraverso partenariati pubblici e privati, obbligazioni intelligenti e partecipazione.
Gli sforzi compiuti dai paesi africani stanno producendo risultati molto positivi. Il Ruanda, come abbiamo detto, è stato il pioniere e sta attualmente modernizzando la sua capitale Kigali incorporando i sistemi informatici in diverse strutture pubbliche.
Anche in Nigeria stanno incorporando tecnologie avanzate e adattandole alle infrastrutture. L’Etiopia ha avviato un progetto di parcheggio intelligente e Ghana insieme sta tentando di riformare la sua economia sociale implementando la tecnologia moderna.

kwame

La tecnologia può aiutare una rapida urbanizzazione moderna nei paesi africani e migliorare la qualità della vita dei suoi cittadini. Per questo, un impegno politico e sociale è essenziale.
È necessario promuovere queste città intelligenti, mettendo al primo posto i bisogni dei cittadini. Garantire un accesso praticabile e di qualità a diversi servizi pubblici è fondamentale e cruciale.