strawberry

COME ERANO LA FRUTTA E LA VERDURA IN ORIGINE

Sicuramente quando mordiamo una succosa fetta di cocomero non potevamo immaginare che in passato non avesse un aspetto così appetitosamente rosso e che il suo sapore non fosse affatto così dolce e rinfrescante come adesso.

watermelon

E la maggior parte della frutta e della verdura che mangiamo oggi si assomiglia così poco al suo originale, soprattutto in termini di gusto.

LA BANANA, UNA DELLE PIÙ ANTICHE

bananas

Forse uno dei più antichi frutti è la banana, si ritiene che esisteva già 10.000 anni fa nel periodo neolitico nelle regioni del sud-est asiatico indo-malaysiana di Papua Nuova Guinea. Dall’Indonesia si sono diffusi in altre aree della Malesia e delle Filippine, raggiungendo le Hawaii e la Polinesia.
Alcuni documenti storici dimostrano che già a partire dal III secolo aC. Si sa di questo frutto in Europa, ma non è stato introdotto fino al decimo secolo. Più tardi nel XVI secolo dall’Africa occidentale, i portoghesi la portarono in Sud America.

Banana

La pianta selvatica aveva due varietà selvatiche originali, la Musa balbisiana e la Musa acuminata, da cui queste ultime provengono dagli alberi di platano.
La Musa acuminata, l’antica banana, aveva grandi semi ed era molto dura, il suo guscio era anche duro e difficile da rimuovere. La ricerca mostra che il seme della Musa acuminata può essersi mutato più di 2000 anni fa, passando da 3 copie di ciascun cromosoma a 2 come quelle attuali. Oggi ci sono circa 500 varietà.

L’ANGURIA, UNA RISERVA D' ACQUA

Sebbene esistano alcune controversie sull’esatto luogo di origine, si ritiene che fosse nel deserto del Kalahari, ma altre indagini determinano come un antenato originario dell’anguria, il cosiddetto melone d’acqua, Citrullus lanatus, una varietà di colocynthoides, proveniente dal nord-est dell’Africa. Comunque, tutto sono d’accordo che è sempre stato in Africa.
Esistono molti vecchi documenti che rivelano l’esistenza dell’antenato dell’anguria attuale in Egitto più di 3000 anni fa. Si dice persino che nella Tomba di Tutankhamon i semi di questo frutto fossero stati trovati con una forma ovale come quelli attuali, motivo per cui si ritiene che fosse già coltivato da molto tempo e si fosse già evoluto, poiché l’originale aveva semi rotondi.

SANDIA

In realtà ci sono molte tombe egizie dove sono stati trovati semi di anguria, si ritiene che li usassero come riserva d’acqua per il “grande viaggio”. Come era solito anche in altri paesi con stagioni molto calde, come in Sudan, che li usava come riserva d’acqua per i mesi secchi.
Sicuramente per questa stessa ragione gli archeologi che stavano indagando su un insediamento di oltre 5.000 a Líbia, trovati insieme ad altri frutti, rimangono dei semi di cocomero.
In nessun modo piaceva per il suo sapore amaro e la sua consistenza dura, avevano davvero un aspetto poco appetitoso, ma in compenso erano una grande riserva d’acqua valida. Il suo spessore del guscio duro, gli ha conferisce uno strato isolante contro gli urti e per mantenerlo al fresco e idonei al consumo più a lungo, a differenza di altri frutti.
Si ritiene che gli egiziani iniziarono una coltivazione selettiva con l’intenzione di modificare il suo sapore alquanto sgradevole, che è avvenuto in modo relativamente semplice, dato che possedeva solo un gene dominante che causava il sapore amaro.
Da lì la sua coltivazione si è diffusa nel Mediterraneo e in tutta Europa.
Col tempo, anche il suo colore giallo-arancio associato al gusto amaro stava cambiando con l’aumentare del contenuto zuccherino fino a diventare oggi il suo caratteristico colore rosso.

LA NUOVA CAROTA "ARANCIONE"

carrots

Si ritiene che il luogo di origine degli antenati delle carote fosse l’Asia centrale e sud – orientale, l’ex Persia e l’Asia Minore, l’attuale Iran. I greci e i romani la portarono in Europa. Una sottospecie di Dancus carota è l’originale della carota attuale. Forse la sua coltivazione per consumo iniziò approssimativamente nel 10 ° secolo.

Carrot

Probabilmente all’inizio erano bianchi o viola con una radice biforcata e sottile. Nel tempo ha perso la sua pigmentazione e ha cominciato ad essere giallo. Il suo sapore era accentuato. Successivamente, si sono stati trasformati a poco a poco, cambiando il loro ciclo biennale in un ciclo annuale, diventando più grandi, con una sola radice e un gusto più piacevole.
Ma le carote arancioni come quelle che conosciamo oggi sono apparse per la prima volta nei Paesi Bassi nel diciassettesimo secolo. In occasione di un evento dedicato alla casa reale di Orange. Hanno avuto un tale successo che sono stati coltivati ​​con quella tonalità fino ad oggi.

IL MAIS MULTIUSO, PIÙ CHE UN ALIMENTO

Il mais è forse uno degli alimenti che ha subito le maggiori trasformazioni per adattarlo meglio al consumo umano. Esisteva già 10.000 anni fa, ma era molto piccolo e molto duro, inoltre aveva pochi zuccheri.
Questa graminacea fu coltivata per la prima volta nel centro del Messico nel Neolitico, secondo la ricerca dell’antropologo Richard Stockton Macneish nelle valli di Tehuacán e Oaxaca. Dove trovò il resto di alcune piante di mais e dipinti, incisioni e sculture della stessa pianta nelle gallerie delle piramidi.
Si ritiene che nel 2.500 a. C. la sua coltivazione si estese al resto dell’America e in seguito fu introdotta in Europa dopo il suo contatto nei secoli XV e XVI.
Il suo grande adattamento ai diversi terreni e la sua grande resistenza ai diversi climi gli ha permesso di diffondersi rapidamente nel resto del mondo e in alcuni casi diventare la base della dieta di molte comunità.
Le varie manipolazioni per ottenere un mais più grande con un più alto contenuto di zuccheri, ci hanno ora permesso di godere delle diverse varietà alimentari come farina, olio e come base di fermentazione per il famoso whisky bourbon, ma anche per uso non alimentare, ad esempio come un biocarburante o la già nota bioplastica, un polimero a base di mais che mira a sostituire il petrolio anche per la produzione di tessuti.

LA PESCA

Iniziarono la sua coltivazione per il consumo 4.000 anni aC La pesca Prunus persica proviene da un albero originario dell’Afghanistan. Molto popolare anche in tempi antichi in Cina e in Iran. I Romani lo introdussero in Occidente, poiché si incontrarono per la prima volta nell’antica Persia e furono inizialmente chiamati “persica”.

Le originali pesche selvatiche erano piccole come ciliegie, quindi avevano poca polpa. Il suo sapore era leggermente salato e di consistenza terrosa. Per niente come l’attuale, con grande succosità e consistenza dolce.

LA MELANZANA, UN AMICO DELLA SALUTE

La melanzana solanum melanzana è originaria del sud-est asiatico, dalla zona Assam nel nord-est dell’India in particolare, era anche conosciuta in Birmania e in Cina. È stato conosciuto per più di 2.000 anni. Nel Medioevo fu introdotto in Europa dagli arabi in Andalusia.
Inizialmente si riteneva che fosse tossico, forse a causa del consumo di qualche altra varietà non adatta all’alimentazione. In Europa non fu consumato a lungo e fu usato solo come ornamento per paura che causasse malattie come l’epilessia e persino la follia.

berenjena

L’opposto della realtà, dal momento che le sue proprietà antiossidanti sono consigliate per la prevenzione delle malattie degenerative e cardiovascolari. Le sue statine aiutano a ridurre il colesterolo e prevenire l’arteriosclerosi ed è anche un buon balsamo per le scottature, perché aiuta la rigenerazione della pelle.
Tuttavia, la convinzione che la melanzana mangiata cruda fosse tossica continua nella memoria. E naturalmente, come tutte le piante, anche le melanzane hanno alcune molecole di difesa, i famosi alcaloidi che sono tossici. Nel suo caso è l’alcaloide glicosilato , chiamato solasonina , è tossico, ma è presente in quantità tale da non poter essere dannoso per la salute, anche se viene consumato in quantità esagerate.
Con il tempo si perse questa brutta fama, così come le sue abbondanti spine e assunse una consistenza liscia e non più irregolare. Anche il colore stava cambiando insieme alla sua forma. Da bianco, blu, giallo e il più consueto viola.
Oggi possiamo gustare una melanzana di diversi colori e forme ma sempre con una consistenza fine, con pochi semi morbidi e un sapore gradevole.

POMODORI, UN GENE STRAORDINARIO

Tomatoes

I pomodori nella loro origine non erano ciò che ci piaceva ora. Erano piccoli e più scuri. Data la loro somiglianza con alcuni frutti di bosco velenosi come il bullo notturno, gli europei li temevano da molto tempo.
L’attuale pomodoro della specie Solanum Iycopersicum è originario del Sud America, dall’Ecuador, dal Perù al nord del Cile e dalle Isole Galapagos, dove si trova l’antenato del pomodoro attuale.
Nella loro origine erano più piccoli, di colore verde giallastro e quando maturavano si oscuravano per diventare neri.
Questa specie originale è una risorsa genetica di enorme importanza per la coltivazione ottimizzata di questo frutto. I geni che possiede possono resistere a vari fattori biotici e abiotici. In altre parole, hanno una maggiore resistenza contro parassiti e malattie e resistono anche allo stress idrico e salino, tutti vantaggi molto convenienti che aumentano senza dubbio la qualità del frutto.